I runners e la pioggia

Breve storia quotidiana di un runner...

"Ti svegli la mattina e la prima cosa che fai è controllare il tempo atmosferico. Del resto è il giorno dell’allenamento tosto della settimana, quello delle ripetute in pista, e l’ultima cosa che desideri è che piova. La fortuna non è dalla tua parte, sta diluviando. Prendi immediatamente il cellulare, apri la app meteo con le dita incrociate, nella speranza di un miglioramento. Nulla, pioverà tutto il giorno. Ti rassegni, ti aspetterà un allenamento bagnato. Mentre sei al lavoro pensi spesso all’acqua e al freddo che prenderai... inizi a pensare che forse non è il caso, l’allenamento lo potresti fare anche domani…."


Quanti di voi si rivedono in queste parole? Immagino parecchi! Per il runner il rapporto con la pioggia è un aspetto che si trova spesso ad affrontare e per qualcuno rappresenta un vero blocco oltre che una buona scusa per rimandare a domani l'allenamento.


Ecco quindi alcuni consigli per rendere la pioggia un’alleata alla corsa!


1. Datti delle risposte!

Se sei tra quei runners che vanno in crisi per la pioggia la prima cosa che devi fare è provare a darti delle risposte. Perchè il freddo e la pioggia ti fanno rinunciare all’uscita? Perché ti fai prendere dalla pigrizia? Cosa ti disturba della pioggia? Individuare i pensieri che ti ostacolano è il primo modo per capire come superare l’ostacolo!


2. Cambia significati

Tanti runners odiano la sensazione di bagnato sulla pelle e quelle fasi iniziali di freddo e acqua sul corpo. Ora ti provoco un po'… Se corri sotto la pioggia, ovviamente ti bagnerai, ma perchè dire che la sensazione di bagnato è qualcosa di negativo? Quando fai la doccia o un bel bagno al mare non è forse piacevole la sensazione dell’acqua e del tuo corpo bagnato? Il freddo e la pioggia non sono altro che uno stato di cose: la pioggia è solo pioggia, così come il freddo è solo freddo. Siamo noi che decidiamo di attribuirgli un significato negativo. E' la nostra mente che crea delle resistenze e spesso ci attacchiamo a queste… alla fine l’acqua è solo acqua, siamo noi che gli attribuiamo etichette negative e fastidiose quando corriamo. Alla fine ricordati che ti aspetta sempre una bella doccia calda!



3. Ricompensati

Correre sotto la pioggia è una vera e propria sfida per te. Bene, anticipa la gratificazione che sentirai quando avrai chiuso un allenamento sotto l’acqua, anticipa quel sentimento di fierezza che proverai nell’aver superato un tuo -presunto-limite. Inoltre ricompensati con una cena con il tuo piatto preferito, un bel pezzo di cioccolato o con la visione di un film che attendi da tanto.


4. Gestisci la tua voce interna

Se la tua voce interna inizia a lamentarsi del pessimo clima, a fare congetture su quanto sarà difficile e duro e insinuarti l'idea che magari non chiuderai con i tempi previsti….è il momento di dirle stop. Blocca questi pensieri! Il tempo meteorologico non cambierà e i tuoi pensieri non avranno il potere di farlo. Accetta la situazione e pensa a frasi che ti diano fiducia e motivazione.

5. Corri in compagnia

La pioggia mette a dura prova la tua motivazione? Trova qualcuno con cui condividere l’allenamento. Ti aiuterà a non trovare scuse e la condivisione renderà la pioggia più dolce e divertente!.

La nostra mente può essere una valida alleata alla nostra corsa ma anche un’acerrima nemica. Conoscerla per gestirla è una risorsa importante per tutti i runners ed è possibile attraverso l'allenamento mentale.

Se vuoi saperne di più, scrivimi!


#runner #running#maratona #corsa #motivazione #pioggia #running #mentaltraining #suggerimenti #endurance #fatica #allenamento



  • Maria Chiara Crippa Linkedin
  • Maria Chiara Crippa Facebook
  • Maria Chiara Crippa Instagram

mcc.crippa@gmail.com

Centro Medico CAB Polidagnostico

Monticello Brianza, via provinciale 28

Centro Medico Metodo Punzo

Bergamo, Passaggio Canonici Lateranensi 22

© 2020 Maria Chiara Crippa